LAMPADA DI WOOD

Impieghi 

Banconote e documenti spesso incorporano pigmenti fluorescenti eccitati dai raggi UV.

Una lampada di Wood produce luce non direttamente visibile dall’occhio umano; tuttavia può essere impiegata per illuminare materiali su cui una radiazione ultravioletta induce effetti di fluorescenza e fosforescenza. Possibili applicazioni di queste proprietà si hanno nella lotta alla falsificazione delle banconote, tramite l’utilizzo di verifica banconote o nella ricerca di fessure in strutture metalliche rivestite di materiale reattivo ai raggi UV.
Un diverso campo di impiego si ha nella individuazione di macchie da liquidi organici non visibili a occhio nudo.
In medicina la lampada di Wood può essere impiegata per evidenziare alcune infezioni da funghi e diverse altre malattie a carico della pelle.
In paleografia la lampada viene spesso impiegata per identificare simboli o lettere su pergamene o papiri altrimenti illeggibili a occhio nudo.
In merceologia alimentare la lampada è usata per rilevare la infestazione da funghi di prodotti alimentari.
In restauro viene utilizzata perché la fluorescenza ultravioletta è immediatamente visibile: le vernici risultano opalescenti, biancastre. Tale lampada individua la presenza di vari colori, tra i quali il verderame che, attraverso la lampada, appare diverso dalle ridipinture, con le quali talvolta può essere scambiato.
Alcuni pigmenti fluorescenti sono utilizzati, con scopi di sicurezza anticontraffazione, a partire dagli anni sessanta, per la fabbricazione della carta da destinare alle carte valori e ai francobolli; tali pigmenti sono resi fluorescenti dalla lampada. In filatelia viene utilizzata la lampada di Wood per verificare appunto il tipo di carta dei francobolli e distinguere le varie emissioni a seconda della loro fluorescenza.
Nelle discoteche e nei luna park, le lampade di Wood sono ampiamente usate per scopi ludici, creando effetti di fluorescenza su vestiti (spesso il candeggio è ottenuto con prodotti fluorescenti), occhi e denti (contenenti fluoro).
Recentemente, alcune nuove vernici in campo edilizio utilizzano la gamma dei raggi UV per attivare una reazione fotocatalitica. Tale processo permette di abbattere alcuni inquinanti ambientali, per mezzo di una reazione fotochimica simile all’equivalente fotosintesi clorofilliana nel regno vegetale.

http://www.ebay.it/itm/LAMPADA-DI-WOOD-LENTE-RAGGI-UV-A-ONDA-LUNGA-368nm-ESTETICA-DERMATOLOGO-/150756300087?pt=Massaggio&hash=item2319c69537 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...