Fanghi termali

I trattamenti a base di fanghi termali sono considerati dagli specialisti un vero toccasana per ogni tipo di pelle.

Sembra dai riscontri reali che, tra tutte le cure termali, i fanghi sono un efficace rimedio contro il problema dell’acne della pelle. Secondo studi medici l’acne risulta attenuata ed in alcuni casi addirittura guarita, grazie alle sostanze antibatteriologiche e lenitive presenti nelle cure con fanghi termali.

I fanghi utilizzati nelle terapie appartengono alla famiglia dei peloidi e sono paste costituiti da una parte solida prevalentemente inorganica, di natura argillosa, e da una parte liquida costituita da acque minerali a diversa composizione.

Azioni benefiche dei fanghi termali:

– Proprietà cosmetiche

– Il fango grazie all’elevato contenuto di silicio è indispensabile per la corretta composizione delle fibre collagene. Il silicio, infatti, neutralizza i radicali liberi e rallenta il processo ossidativo delle cellule.

– Grazie al potere assorbente dei fanghi e agli oligominerali di cui è composto, è molto utile nel trattamento di pelli grasse con impurità.

– Il fango che contiene zolfo aiuta a migliorare i problemi dermatologici come: tumori, ulcere, eczema e ustioni, accelerandone la guarigione.

– Mediante l’applicazione dei fanghi sulla pelle si ottiene un aumento della temperatura della zona in cui sono applicati, la quale stimola la microcircolazione nel tessuto connettivo e migliora l’idratazione. 

http://stores.ebay.it/SUN-ESTETIC-STORE-Beauty-equipment/ATTREZZATURE-ESTETICA-/_i.html?_fsub=2561061017&_sid=1001806087&_trksid=p4634.c0.m322 

 

riflessologia

Riflessologia

La riflessologia è una terapia naturale che cura basandosi sullo stesso principio dell’agopuntura e dello shiatsu. Ogni organo ha un suo punto corrispondente in altre zone del corpo che, opportunamente sollecitate, agiscono sull’organo spingendolo a reagire in maniera del tutto involontaria.

Le tecniche di riflessologia sfruttano il concetto del massaggio riflesso per il quale il piccolo riflette il grande: infatti le mappe riflesse dei due piedi vicini tra loro formano la miniaturizzazione del corpo umano.

La riflessologia non ha effetti collaterali o controindicazioni particolari, è un trattamento dolce e non invasivo, in grado di dare alla persona reazioni molto positive, sensazioni difficilmente raggiungibili con altre tipologie di massaggio. 

 

Estetica medicale – I danni del sole

Il parere del medico

Abbiamo chiesto al Dottor Tateo di esprimere il suo parere su quali rischi corre la pelle ad un errata esposizione al sole. 
Dr. Tateo: Non vi è dubbio che l’esposizione solare sia il principale fattore esterno che determina l’invecchiamento cutaneo, motivo per il quale si dà grande importanza al “photoageing” o foto invecchiamento, determinato dagli intensi stress ossidativi arrecati dai raggi UV e alla conseguente formazione dei radicali liberi in grado di ledere il DNA, vale a dire il nucleo delle cellule. L’epidermide si ossida e s’ispessisce, mentre nel derma che si assottiglia l’architettura del collagene e dell’elkastina si deteriora e riduce di quantità. La melanina si deposita irregolarmente in questo contesto. La pelle nel suo complesso diventa perciò ipercheratosica, più sottile, secca e anelastica, formando un reticolo di rughe di varia profondità. Allo stesso tempo la superficie si scurisce, iperpigmentandosi in maniera anomala e disomogenea o formando talvolta macchie ben delineate.
Cosa si può fare per preparare la pelle al sole e cosa per proteggerla durante l’esposizione? 
Dr.Tateo: L’alimentazione è molto importante per l’apporto di alcune vitamine e sostanze antiossidanti quali vitamina E, C; acido alipoico, betacarotene, licopene, resveratrolo, omega3. Esiste anche la possibilità di fornire un supplemento di tali elementi con integratori alimentari. Spesso alcune di queste sostanze antiossidanti sono aggiunte alle creme solari o dopo-sole. Numerosi fitoterapici sono attualmente studiati per gli effetti antiossidanti e antiageing. Tra questi vale la pena nominare l’estratto di papaya. Andrebbe ricordato che spesso ci si espone al sole in modo errato, non tutti si ricordano che si deve iniziare in modo graduale evitando le ore più calde della giornata. L’uso di creme con filtro solare è da considerarsi imprescindibile ed è fondamentale cominciare con fattori di protezione alta in relazione al fototipo individuale. L’idratazione cutanea dovrebbe essere preservata sia mediante l’uso costante di creme dopo-sole sia ricordandosi di bere sempre in maniera adeguata all’aumentato dispendio di liquidi.
Può essere utile qualche trattamento estetico o medico prima di partire?
Dr.Tateo: Sicuramente. Un esame della pelle permetterebbe di identificare con precisione il tipo di prodotto cosmetico solare più idoneo in base al fototipo, all’idratazione e tipicità sebacea cutanea. Un ruolo molto importante nella prevenzione è svolto dalla corretta idratazione, dall’apporto di sostanze antiossidanti e biostimolanti sotto forma di maschere, creme o iniettabili. Una visita da un medico specialista sarebbe opportuna per un check-up cutaneo soprattutto in presenza di neoformazioni cutanee pigmentate o macchie non ben definite. Patologie specifiche dermatologiche meriterebbero sicuramente una visita di controllo. Nel caso fosse presente una capillatopatia si potrebbe consigliare un prodotto protettore dei vasi sanguigni.
Esistono trattamenti efficaci per le macchie della pelle? 
Il principio comune di tutti i trattamenti è quello di assottigliare mediante abrasione chimica o fisica l’epidermide, portando via lo strato più superificiale fino ai depositi di pigmento e creando le condizioni migliori per far penetrare più profondamente i principi attivi schiarenti applicati in forma di crema. Gli alfa-idrossiacidi (acido piruvico, malico, glicolico ecc.), l’acido retinoico, l’acido salicilico e in casi più gravi, l’acido tricloroacetico sono le sostanze più usate singolarmente o in miscele di vario tipo per eseguire il peeling chimico. Tra i depigmentanti più usati si segnalano l’acido cogico, malico, fitico, la vitamina C ecc. Tra i metodi fisici utlizzati al primo posto figurano sicuramente i Lasers. L’ispessimento cutaneo, le macchie e le discormie, le rughe superficiali del volto possono essere efficacemente trattati con un macchinario innovativo chiamato laser frazionato. A differenza del laser C02 tradizionale, considerato troppo aggressivo, il manipolo di questo laser consente un trattamento ambulatoriale, senza anestesia e con solo anestetico in crema, in pochi minuti, con brevi tempi di recupero e nessun altro effetto collaterale. Ciò avviene grazie alla distribuzione “frazionale” dei raggi d’energia sulla pelle e alla loro capacità di penetrazione  nel derma rispettando l’epidermide. In questo modo i pazienti possono riprendere velocemente le normali attività relazionale, e i risultati sono entusiasmanti.
 

 

Estetica medicale – Cellulite: una dieta drastica può peggiorarla

La cellulite va combattuta con una combinazione di trattamenti, dieta personalizzata e attività fisica

Una dieta troppo drastica non fa scomparire la cellulite: anzi, può accentuare il problema. Parola di Patrizia Gilardino, chirurgo plastico di Milano socio del Sicpre ed esperta di trattamenti estetici per la cura del corpo.

«Anzitutto sfatiamo un falso luogo comune: essere sovrappeso non è la causa diretta della cellulite, piuttosto è una questione di massa grassa e magra – afferma Gilardino -. La cellulite compare infatti anche in soggetti normopeso o con un sovrappeso modesto, soprattutto se si fa poca attività fisica, si soffre di ritenzione idrica e si ha una cattiva circolazione». In parte è un problema di costituzione:«Sono più soggette le donne con un fisico mediterraneo, ossia con adiposità localizzate sui fianchi e sulle gambe, mentre è più difficile che compaia nelle donne magre, con tendenza ad ingrassare sulla pancia» aggiunge la dottoressa.

Anche se le persone decidono di affrontare il problema solo per un approccio estetico, la cellulite è una vera e propria patologia, che richiede la supervisione di uno specialista per evitare errori grossolani. «Uno degli errori più comuni del fai-da-te è seguire diete ferree, nell’erronea convinzione che con il peso scompaia anche l’inestetismo – afferma la dottoressa -. Tuttavia, con una dieta ipocalorica drastica si rischia di perdere anche il muscolo, dunque la massa magra, e la cellulite può addirittura acutizzarsi, perché i tessuti cutanei si afflosciano se il muscolo sottostante non li sostiene». Molto importante, poi, è intervenire il prima possibile: «La cellulite inizia a comparire attorno ai 18-20 anni ed è molto difficile che sparisca da sola – prosegue -. Anzi, con il tempo peggiora e diventa sempre più difficile da trattare». La soluzione proposta da Patrizia Gilardino,messa a punto grazie ad anni di attività ed esperienza, prevede una triplice azione: dieta personalizzata, attività fisica e trattamenti estetici mirati. «La cura comincia con una visita approfondita, durante la quale si misura la massa grassa e quella magra grazie a un apposito strumento, l’adipometro, uno speciale ecografo che funziona come uno scanner misurando tessuti muscolare e adipe – spiega il chirurgo milanese -. Conoscere la componente grassa e magra della paziente è un dato fondamentale, in quanto permette di vedere cosa c’è sotto ed è molto più significativo rispetto a una misurazione in centimetri. I risultati sono elaborati direttamente al computer attraverso un algoritmo e questo permette di controllare le fasi successive». Alla paziente si prescrive quindi una dieta proteica o a zona, per mantenere il giusto apporto calorico, che deve essere abbinata ad attività fisica regolare e a sedute con macchinari specifici, di solito una volta alla settimana. Quindi ogni tre mesi si effettua il controllo, durante il quale si misura la massa: se quella grassa diminuisce e quella magra si mantiene costante, vuol dire che la strada intrapresa è quella giusta. I primi risultati si vedono dopo un mese, mentre il trattamento ne dura almeno due.
Patrizia Gilardino – Profilo professionale. Laureata in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Milano nel 1988, Patrizia Gilardino si è specializzata nella Scuola di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell’Università degli Studi di Milano nel 1993. Iscritta all’Ordine dei Medici di Milano dal 1989, ha lavorato fino al 2003 all’Unità Funzionale di Chirurgia Plastica dell’Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. Esercita la libera professione al Poliambulatorio della Guardia di Finanza di Milano, al Centro Dermatologico Europeo e nel proprio studio di via Colonna, a Milano. È membro della Società di verifica e controllo di qualità e della Società americana di chirurgia plastica. È socio Sicpre (Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica) e, all’interno del Sicpre, è iscritta all’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe)

http://stores.ebay.it/SUN-ESTETIC-STORE-Beauty-equipment 

 

Peeling

Il peeling, come trattamento per levigare e migliorare l’aspetto della cute, è conosciuto fin dall’antichità.

Cosa’è il peeling

Il peeling è un trattamento esfoliante che serve a rigenerare la pelle del viso. Anche se le sue applicazioni provengono dall’antichità, la tecnologia moderna ha perfezionato questo trattamento rendendolo più efficace e sicuro.

Come funziona

Il peeling chimico agisce su tre livelli: stimola il ricambio cellulare rimuovendo le cellule morte; in secondo luogo sostituisce le cellule epidermiche danneggiate con altre normali; infine innesca una reazione infiammatoria per stimolare la produzione di nuove fibre.

Qualsiasi parte del corpo può essere sottoposta al peeling ma gli interventi più richiesti riguardano il viso, il collo, décolleté, dorso e mano. Il peeling è in grado di ridurre la visibilità di rughe, cicatrici e smagliature. È utile nel caso di acne e pelle grassa. 

http://www.ebay.it/itm/PEELING-ESTETISTA-CENTRI-BELLEZZA-BENESSERE-SPA-MASSAGGI-/150661183126?pt=Apparecchiature_Benessere&hash=item23141b3696 

http://stores.ebay.it/SUN-ESTETIC-STORE-Beauty-equipment/RISCALDA-SALVIETTE-/_i.html?_fsub=2566117017&_sid=1001806087&_trksid=p4634.c0.m322 

http://www.ebay.it/itm/SALE-HIMALAYA-CONFEZIONE-KG-1-PEELING-LETTINI-GROTTE-ESTETICA-SPA-BENESSERE-/150670398167?pt=Apparecchiature_Benessere&hash=item2314a7d2d7 

pressoterapia

La pressoterapia è un trattamento utilizzato nella cura della cellulite e la ritenzione dei liquidi. La sua azione è quella di migliorare il drenaggio dei liquidi interstiziali e la circolazione venosa e linfatica. In particolare cerca di ridurre il gonfiore delle gambe ed effettua una ginnastica vascolare.

La pressoterapia, oggi è una terapia molto diffusa nei centri estetici che può essere anche praticata a casa in completa autonomia, grazie alle moderne tecnologie oggi presenti sul mercato.

La pressoterapia viene considerata un vero e proprio procedimento disintossicante e rivitalizzante per ossigenare i tessuti, aiuta il processo di dimagrimento ed è un ottimo metodo per combattere la cellulite.

Applicazioni della pressoterapia

Per ottenere buoni risultati si consiglia di sottoporsi a trattamenti settimanali regolari di circa 20/30 min., per ottimizzare i benefici, si può abbinare anche oli essenziali.


http://www.ebay.it/itm/PRESSOTERAPIA-PROFESSIONALE-8-CANALI-ESTETISTA-BENESSERE-SPA-ISTITUTI-BELLEZZA-/150743939404?pt=Apparecchiature_Benessere&hash=item231909f94c

 

Ginnastica oculare

Se avete intenzione di migliorare la vostra capacità visiva, la ginnastica oculare fa al caso vostro, indicata a tutte le età ed utile non solo ai fini funzionali, ma anche estetici (elimina le cosiddette “zampe di gallina”).

La ginnastica oculare al fine di trarne i benefici va eseguita tutti i giorni per “allenare” l’occhio e per scaricarlo delle tensioni provocate dallo stress.

E’ un metodo assolutamente naturale volto alla riabilitazione visiva e pensato dal dottor Bates fin dagli anni Venti. Ecco di che cosa si tratta e come si esegue:

Il metodo Bates per la ginnastica oculare è maturato dal fatto che i muscoli dell’occhio, troppo a lungo abituati a stare in stato di tensione e contrazione, rendono una cosa cronica questa condizione fino a determinare difetti nella visione.

E’ capitato a tutti a causa della scarsa illuminazione o della stanchezza di subire una certa tensione della zona orbitale e, di avere difficoltà a mettere a fuoco le immagini.

Quando si è sotto pressione:

Oltre alle classiche origini ereditarie, le cause di presbiopia, miopia o astigmatismo, si possono rintracciare negli stress emotivi che, in qualche modo, possono disturbare il giusto modo di “vedere e guardare” le cose.

Difetto di postura

Come una postura sbagliata e contratta della schiena può diventare cronica, se non curata, anche la tensione prolungata dei sei principali fasci muscolari che circondano il globo oculare, se prolungata negli anni, può determinare difetti visivi cronici.
Come si realizza

Le tecniche attuali di ginnastica oculare, usi possono imparare da un terapeuta e poi possono essere eseguite autonomamente per il mantenimento dei benefici della cura.

In una statistica di chi attualmente applica il metodo “Bates” per riattivare la funzionalità visiva, si stima che dopo due mesi di cura, nel 70% dei casi si riscontra un recupero della vista da 0,5 a 3 diottrie.