Trattamenti estetici a base di sale

trattementi_sale 

Massaggi di sale, maschere ai sali, scrub… il sale può essere un alleato per la nostra bellezza

Il sale fa male, andateci piano con il sale, il sale aumenta la ritenzione idrica… ce lo siamo sentite dire mille volte. E naturalmente è vero: mangiare troppo salato fa male sia alla salute che alla bellezza. Ma non tutto il sale vien per nuocere: al contrario, è il protagonista di molti trattamenti estetici nelle beauty farm!
Vi propongo alcuni esempi di massaggi e trattamenti a base di sale. Vi viene voglia di provarne uno?
Massaggio al sale e miele con bende calde
Questo è un trattamento che viene dalla tradizione ayurvedica. Il vostro corpo sarà tamponato con piccoli fagottini riscaldati intorno a 37 o 38 gradi e riempiti di sale e miele. Lievi pressioni e movimenti rotatori dovrebbero avere effetti curativi su gonfiori e infezioni, ma anche un effetto disintossicante, contro il sovrappeso e la cellulite.
Massaggi scrub al sale e maschere esfolianti
L’effetto peeling del sale può essere sfruttato sia tramite maschere esfolianti che attraverso massaggi scrub, che tonificano ed eliminano le cellule morte. Così facendo mettono la pelle nella condizione migliore per assorbire eventuali altri agenti attivi presenti nel trattamento o applicati successivamente.
Massaggio al sale del Mar Morto
I massaggi con il sale del Mar Morto uniscono all’azione esfoliante il drenaggio e l’ossigenazione delle cellule. Spesso sono seguiti da un periodo di posa del sale, che serve per facilitare la cosiddetta “fase osmotica”, che aiuta a eliminare i liquidi in eccesso. Questo particolare effetto viene sfruttato a volte anche attraverso trattamenti di bendaggio al sale, specifici contro la cellulite.
Bagni al sale con olii essenziali
Disintossicanti e drenanti, questi bagni hanno l’effetto di levigare la pelle e stimolare la circolazione. I loro effetti si uniscono a quelli positivi dei diversi olii essenziali che vengono aggiunti al bagno.
Maschere ai sali di Schuessler
La terapia di Schuessler, detta anche terapia biochimica, si basa sull’assunto che il benessere del nostro corpo è garantito da una corretta proporzione degli elementi minerali di base.  Un gran numero di disturbi e malesseri potrebbero quindi essere curati riequilibrando queste proporzioni tramite l’assunzione di un sale specifico in forma diluita.
Nelle beauty farm questa teoria viene a volte applicata tramite maschere specifiche ai sali di Schuessler, di solito con effetto purificante e disintossicante.

Trattamento Drenante Corpo al Sale e alle Erbe di Garshan

È un trattamento “composto” da un peeling della durata di 35 minuti di manualità , seguito da 10 minuti di “messa in posa” in cui si è avvolti dal foglio di cartene, durante i quali viene effettuato un massaggio viso rigenerante. La straordinaria efficacia di una manualità drenante unita all’azione purificante ed esfoliante del sale, modella e alleggerisce il corpo dalle tossine e lo prepara ai trattamenti successivi. Le microsfere di sale, riscaldate dall’effetto esfoliante della manualità, per osmosi, attirano a se i “liquidi” in eccesso presenti nel corpo, provocando in questo modo una vera e propria azione snellente e purificante.

Il sale è di notevole aiuto per contrastare efficacemente i ristagni nel corpo.

Durata: 50′ . . . . . . Euro 110,00

“Perché continuare a usare del sale comune (raffinato) quando puoi usare tutti i giorni un sale puro, non trattato, che ti fa davvero stare meglio?”

Se anche tu sei convinto che per stare bene e in salute si deve cominciare dallo scegliere i cibi giusti, quelli più sani e ricchi di elementi nutritivi, allora prova a fermarti un attimo e pensa al sale:
è uno degli elementi principali nella dieta quotidiana di chiunque. Non ci pensiamo mai, ma lo troviamo dappertutto, in qualsiasi alimento e se manca – o ce n’è troppo! – ce ne accorgiamo subito. Siamo abituati a considerarlo come un semplice condimento, un prodotto comune di poco prezzo che serve a insaporire le pietanze; bianco e di forma cubica, macinato più o meno finemente. Ma in realtà non è così!

Esistono molti tipi di sale, di diversa provenienza, con colori e proprietà differenti

Il sale non è tutto uguale. Lo sapevi che ogni parte della Terra ha il suo tipo di sale? Rosa, bianco, rosso, nero, verde, ognuno estratto da luoghi diversi e ognuno con caratteristiche e proprietà diverse?



Il sale che noi tutti conosciamo è bianco, estratto dal mare: l’acqua raccolta viene fatta evaporare, il residuo di sale viene trasportato in raffineria, lavato, depurato e spesso “condito” con antiagglomeranti chimici per evitare che assorbendo umidità indurisca. Siamo sicuri che tutti questi passaggi lo rendano migliore?

Per fortuna esistono altri tipi di sale, che non provengono dal mare, ormai -tanto o poco- inquinato, ma dalle miniere: milioni di anni fa, con l’ascesa di numerose catene montuose, ampi specchi di mare sono rimasti intrappolati sulla terraferma. L’acqua un po’ alla volta si è asciugata, lasciando depositato il sale. Questo è certamente più puro, estratto dal suolo quindi incontaminato.



Ci sono ovviamente diverse miniere di sale sparse un po’ in tutta la Terra, ma una in particolar modo è grande, contiene un sale pregiato, puro, ricco di un ampissimo spettro di microelementi che completano il semplice cloruro di sodio: è il sale cristallino che viene estratto alle pendici dell’Himalaya, più conosciuto come SALE ROSA. L’unico che coniuga al cloruro di sodio altri 84 microelementi, tutti quelli della tavola periodica, tranne i così detti gas nobili. Il più pregiato e il più completo, l’unico che contenga tutti gli oligoelementi di cui abbiamo bisogno nelle giuste proporzioni.

Il sale rosa cristallino dell’Himalaya è il più puro e completo sale della Terra



Ma, cosa ancora più importante, non è raffinato, cioè non è trattato chimicamente in alcun modo. Il sale rosa viene semplicemente raccolto, selezionato, lavato in soluzione satura per togliere polvere ed eventuali residui, macinato e impacchettato. Non vengono aggiunti antiagglomeranti o altri componenti chimici, che lo renderebbero nocivo per la nostra salute.

Grazie a queste sue caratteristiche è il più puro e completo sale della Terra, particolarmente adatto all’uso alimentare:

  • al gusto ha un sapore più rotondo, meno aggressivo. Non copre i sapori degli altri cibi, ma li accompagna e li esalta
  • è completamente assimilabile dall’intestino, il quale non deve impegnarsi per scindere il sale in parti più piccole, ma riesce a digerirlo subito
  • non è puro cloruro di sodio, che attira l’acqua e fa ritenzione idrica, ma grazie agli altri oligoelementi, chiamati anche sali minerali, è già completo e non crea alcuna ritenzione di acqua.
.
Ma non è tutto:

Il sale rosa, grazie alla completezza delle sue informazioni vitali, è apprezzabile in molti usi diversi, non solo quello alimentare:

  1. ottimo condimento in cucina
  2. eccellente conservante, tanto che le migliori industrie alimentari lo preferiscono al sale tradizionale per la preparazione di prodotti pregiati di media e lunga scadenza

    Massaggio con sale rosa dell’Himalaya
  3. molto usato, soprattutto negli ultimi anni, per le cure estetiche e i trattamenti di bellezza : scrub corpo, peeling, massaggi, lettini di sale
  4. ottimo integratore salino per animali di grandi dimensioni, come i cavalli, che avendo un senso del gusto molto sviluppato lo preferiscono al sale tradizionale, anche se aromatizzato per renderlo più appetibile
  5. ideale per preparazioni idrosaline da utilizzare nella prevenzione e nella cura di frequenti disturbi come raffreddore, dermatite, congiuntivite, verruche,…

La soluzione idrosalina

Ovvero sale sciolto in acqua: se ben usato è un potente e naturale alleato per la prevenzione delle più comuni malattie (ad esempio raffreddore, influenza, dermatite, otite) e un ottimo aiuto nella loro cura. L’acqua infatti ha la capacità di arrivare anche nei punti più difficili e il sale è disinfettante e cicatrizzante. Per questo è molto importante avere sempre a disposizione un vaso, possibilmente di vetro, con del sale dentro e dell’acqua di buona qualità.

  1. In un vaso mettere del sale rosa, possibilmente a pezzettoni
  2. riempire il vaso fino all’orlo di acqua di buona qualità
  3. lasciare riposare almeno per un’ora

Vaso di vetro con soluzione satura di sale rosa dell’Himalaya

.
La chimica ci dice che il sale satura l’acqua con una percentuale del 26%, quindi finché il sale sarà visibile nel vaso la soluzione idrosalina sarà del 26%. Da qui si potrà prelevarne piccole dosi da utilizzare per infinite applicazioni. Ecco di seguito qualche esempio:

  • diluito all’1% per risciacqui agli occhi e al naso
  • diluito al 5% per bagni, inalazioni, pediluvi
  • pura, imbevendo una garza sterile, da appoggiare su verruche e funghi

.
In realtà la soluzione idrosalina può essere utilizzata per qualsiasi tipo di disturbo, fastidio o malattia, come ben spiegato in diversi libri.

Il sale rosa caldo

Il sale rosa, a differenza di altri tipi di sale, se riscaldato ha una capacità in più: quella di emettere un buon numero di ioni negativi e creare una situazione di caldo secco non replicabile con altre sostanze. Vediamo come:

In parole semplici, gli ioni negativi e positivi sono i responsabili della carica elettrostatica   dell’aria. Se i due poli sono in equilibrio fra loro, ci sentiamo bene e respiriamo bene. Ma se l’aria, soprattutto in ambienti chiusi, non viene ciclicamente cambiata, con l’uso di elettrodomestici, pc, telefoni, si squilibra e si carica positivamente, cioè si riempie di ioni positivi, a discapito di quelli negativi. Le conseguenze più immediate sono sonnolenza, leggero mal di testa, spossatezza. La così detta “aria pesante”, che in realtà avrebbe solo bisogno di essere equilibrata. Per questo ci vengono in soccorso le lampade di sale: vere e proprie lampade da mettere accanto alla scrivania o vicino alla tv che oltre ad emettere una gradevolissima luce ambrata liberano grazie ad una particolare reazione molti ioni negativi, che quindi riequilibrano la carenza data dalle nostre quotidiane attività.

Il sale rosa, riscaldato a 50°- 60° C può essere un valido aiuto in tutti quei casi si abbia bisogno di un impacco caldo: botta, stiramento, crampo, raffreddore, tendinite, dolori alla cervicale o alla schiena, ecc… Questi sono dei veri e propri cuscini in morbida spugna fuori e imbottiti solo di sale rosa dell’Himalaya all’interno, da riscaldare in forno, su di una stufa o un termosifone. Appoggiati alla zona dolorante sapranno dare un beneficio immediato e duraturo, grazie alla capacità trasmettere un caldo secco che riesce a penetrare fino ai tessuti più profondi.

Tutto questo, senza dimenticare le frequenze bioenergetiche del sale rosa: essendo puro, non raffinato, mantiene intatta tutta la su forza vitale, misurabile e certificabile con appositi strumenti messi a punto dalla biofisica, scienza ancora giovane ma in costante crescita come numero di sperimentazioni e scoperte.

http://www.ebay.it/itm/SALE-HIMALAYA-CONFEZIONE-KG-1-RICARICA-LETTINI-GROTTE-ESTETICA-SPA-BENESSERE-/150670398167?pt=Apparecchiature_Benessere&hash=item2314a7d2d7 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...