Come allenare gli addominali e dimagrire in maniera sana

Si avvicina il periodo delle vacanze al mare, e l’esigenza di rimettersi in forma si fa sentire, sempre più pressante. Le domande più frequenti dei nostri lettori e le risposte degli esperti, dei preparatori, dei personal trainer. (in collaborazione con Adversus www.adversus.it)
Ci risiamo, stiamo entrando in quel periodo dell’anno in cui si ricomincia a pensare alla forma fisica, a pensare di iscriversi in palestra, a cercare di fare qualcosa di utile per arrivare alla tanto temuta prova costume nelle condizioni migliori dal punto di vista fisico. Facile a dirsi, di buoni propositi sono lastricate molte strade… ma come fare? Da che parte iniziare? Quali sono le attività più utili ed indicate per smaltire il grasso in eccesso, tonificare i muscoli, rimettersi insomma in forma? Lo abbiamo chiesto a Diana Pagano, Fitness Manager e Wellness Consultant presso HealthCity a Parma. Ecco cosa ci ha risposto.
Rimettersi in forma per l’estate. Dimagrire e tonificare in vista dell’estate. Vengono in mente le attività aerobiche, l’allenamento con i pesi, la dieta. In quale ordine di importanza metteresti queste tre ‘componenti’ e perché?

L’ordine delle risposte va normalmente definito in base a quanti chili ci sono da perdere, in ogni caso è fondamentale non tanto l’ordine ma quanto la presenza non contemporanea di tutti e tre gli input. Sarà bene non farli coincidere ma inserirli in modo scaglionato, il secondo ed il terzo seguiranno ad una distanza di 20-25 gg dal precedente.
L’organismo ha bisogno di adattarsi ad ogni stimolo, rispondendo con un adattamento. Personalmente inizierei con una dieta – detossinante per 15gg proseguirei con un po’ di attività mista tra cardio e pesi ( costruire muscolo e mantenerlo tonico, aumenta uil metabolismo basale) fondamentale per sbloccare un metabolismo lento; completerei ogni seduta di allenamento o con una mezz’ora di attività aerobica o con un interval training di media intensità. La dieta, dove essere considerata come equilibrio e non restrizione alimentare.
Tra le attività aerobiche a disposizione di chi è iscritto in palestra ve ne sono alcune più indicate di altre quando si vuole dimagrire, oppure un’attività vale l’altra?
Le attività non sono tutte eguali, come non sono tutte eguali le persone. Su alcuni composizioni corporee agiscono meglio le attività aerobiche su altre quelle miste su altre ancora quelle di muscolazione o di aerobica di medio-alta intensità. La vera differenza può farla un test di entrata ed una consulenza tecnica per iniziare. In senso generale, fa bene muoversi a media intensità, con una ciclicità costante alternata ad un buon riposo ed una corretta alimentazione. Proprio come rispondevo nella domanda precedente. Oggi giorno esistono molte attività che possono essere di grossa motivazione all’esercizio fisico, coinvolgendo e divertendo. Garantendo così un eccellente risultato finale.
Addominali. Allenarli serve a bruciare il grasso che si deposita nella zona addominale?
Assolutamente no. Questo è un vecchissimo mito… Sono molti gli studi che si occupano di individuare la giusta strategia per diminuire l’adipe localizzato, ma nulla di scientifico è stato ancora particolarmente dimostrato. Però, è vero che allenarsi aerobicamente e poi attivare la struttura muscolare prossima al pannello adiposo, può conferire qualche risultato,
Come allenare gli addominali affinché l’allenamento sia efficace?
Il muscolo addominale ha diverse funzioni nel nostro corpo, lavora per il benessere non solo per il bellessere, quindi sicuramente proporgli esercizi giusti per non ledere alla postura, al contenimento delle viscere, ad una corretta respirazione e poi alla sua espressione tonica e definita a “tartaruga”. Per la sua visibilità, premia una corretta alimentazione. La cintura addominale è particolarmente sensibile agli sbalzi alimentari.
Quante sedute la settimana, quante serie, quante ripetizioni?
Due, tre sedute settimanali saranno sufficienti. Le serie che ripeteremo saranno 3-4 per ogni esercizio, le ripetizioni variano dal tipo di sinergia che si crea, più è alta (più muscoli partecipano all’azione) meno saranno le ripetizioni da effettuare. Più è bassa più ripetizioni effettueremo senza oltrepassare necessariamente le 25-30
Quanto tempo ci vuole, mediamente, perché i primi risultati di un allenamento ed un’alimentazione corretta si facciano notare?
Dipende quanto il soggetto sia recettivo, quanto storico ha alle spalle, in che condizioni è il metabolismo. Quanti anni ha la persona, che esperienza ha di fitness, quanta determinazione e motivazione apporta alla scelta fatta. Mediamente uno stimolo inizia ad essere corrisposto (compensato), dopo più o meno 20gg.

http://stores.ebay.it/SUN-ESTETIC-STORE-Beauty-equipment/VALIGIE-MAKE-UP-/_i.html?_fsub=3003416017&_sid=1001806087&_trksid=p4634.c0.m322 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...