News – Torino, chiusi 13 negozi abusivi di parrucchieri cinesi

Violate norme igienico-sanitarie 28 denunce e pesanti sanzioni

Dopo i centri massaggi, anche i negozi di parrucchieri gestiti da cittadini cinesi sono entrati nel mirino delle forze dell’ordine. Chiusi 13 negozi di parrucchiere gestiti da cittadini cinesi per violazioni alle norme igienico sanitarie, 28 denunce e sanzioni per migliaia di euro. È il risultato di un’operazione della Guardia di Finanza di Torino, che ha portato a controlli a tappeto negli esercizi commerciali della città. Le Fiamme Gialle hanno complessivamente eseguito in tutta la città più di trenta controlli nei confronti di acconciatori di origine cinese, a seguito dei quali 13 parrucchieri, che non avevano alcun titolo di qualificazione professionale e che si avvalevano in modo fittizio della figura di un direttore tecnico, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di falso ideologico in atto pubblico continuato ed in concorso. Secondo quanto accertato dai finanzieri i 13 falsi parrucchieri avevano deliberatamente aggirato la legge, avvalendosi di figure professionali sostanzialmente fittizie, ed erano assistiti da uno studio di consulenza di Torino, che attraverso compiacenti prestanome garantiva la richiesta «copertura» tecnica necessaria, beneficiando dei guadagni che servivano a retribuire anche i «direttori tecnici» fasulli. Anche questi ultimi e i titolari dello studio, in totale 15 persone (13 italiani, una romena e un cinese), sono state denunciate per concorso nel reato di falso in atto pubblico. 

Dopo i centri massaggi, anche i negozi di parrucchieri gestiti da cittadini cinesi sono entrati nel mirino delle forze dell’ordine. Chiusi 13 negozi di parrucchiere gestiti da cittadini cinesi per violazioni alle norme igienico sanitarie, 28 denunce e sanzioni per migliaia di euro. È il risultato di un’operazione della Guardia di Finanza di Torino, che ha portato a controlli a tappeto negli esercizi commerciali della città. Le Fiamme Gialle hanno complessivamente eseguito in tutta la città più di trenta controlli nei confronti di acconciatori di origine cinese, a seguito dei quali 13 parrucchieri, che non avevano alcun titolo di qualificazione professionale e che si avvalevano in modo fittizio della figura di un direttore tecnico, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di falso ideologico in atto pubblico continuato ed in concorso. Secondo quanto accertato dai finanzieri i 13 falsi parrucchieri avevano deliberatamente aggirato la legge, avvalendosi di figure professionali sostanzialmente fittizie, ed erano assistiti da uno studio di consulenza di Torino, che attraverso compiacenti prestanome garantiva la richiesta «copertura» tecnica necessaria, beneficiando dei guadagni che servivano a retribuire anche i «direttori tecnici» fasulli. Anche questi ultimi e i titolari dello studio, in totale 15 persone (13 italiani, una romena e un cinese), sono state denunciate per concorso nel reato di falso in at

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...