SOLARIUM Importante aggiornare le apparecchiature alle normative di sicurezza vigenti

SOLARIUM 

Importante aggiornare le apparecchiature 

alle normative di sicurezza vigenti

Le “lampade” ustionano
scatta il sequestro in Italia

Dopo la denuncia di almeno cinque donne che hanno subito dall’esposizione danni “che potrebbero lasciare sulla pelle macchie irreversibili”, il ministero della Salute ritira gli apparecchi abbronzanti prodotti a Genova. I faretti difettosi sono privi di blocco del filtro dei raggi ultravioletti

di GIUSEPPE FILETTO

Uno stock di lampade ustionanti, costruite dalla “Smart Technologies” di Genova. Una partita di apparecchi abbronzanti, per l’esattezza il modello Alien 6 articolo 700/6 che il ministero della Salute ha deciso di ritirare dal commercio in tutta Italia, perché avrebbero procurato seri danni a diverse donne. Da parte sua, il titolare dell’azienda ha assicurato che, “nel più breve tempo possibile” ritirerà tutti i faretti difettosi.

Oggi, dopo la notizia pubblicata sull’edizione di Repubblica di Genova, altre quattro donne si sono presentate ai Nas, denunciando gli effetti devastanti provocati dagli stessi faretti difettosi, privi di blocco del filtro dei raggi ultravioletti. Le giovani hanno dichiarato di essersi sottoposte alle sedute abbronzanti tutte nello stesso solarium che utilizza le medesime lampade.

Il ministero della Salute fa sapere che la ditta produttrice si è impegnata “ad effettuare al più presto la ricognizione e la valutazione di tutte le apparecchiature non fornite di tale sistema di sicurezza”.

La vicenda, prima di essere vagliata dal Ministero della Salute che ha assunto la decisione di ritirare le lampade su tutto il territorio nazionale ed ha inoltrato la notifica del “sequestro” alla ditta di Genova, nella sua sede di via al Santuario della Guardia, negli scorsi giorni è finita sulla scrivania del sostituto procuratore Stefano Puppo.

La procura della Repubblica, infatti, ha aperto un fascicolo riguardante le ustioni riportate da una donna genovese nel centro estetico di Albaro. Stando a quanto ha denunciato tramite il suo avvocato, Giuseppina Zambonin, in pochi minuti di esposizione ha riportato bruciature di secondo grado sul viso, simili a quelle provocati da una fiammata. “Ustioni che possono lasciare sulla pelle macchie irreversibili”, dice Angelo Galli, chirurgo plastico al San Martino-Ist.

La ventottenne, parrucchiera di professione, il 20 aprile scorso è finita al pronto soccorso con 14 giorni di prognosi, una settimana dopo si è fatta curare da uno specialista di Chirurgia Plastica. Successivamente, ha chiesto risarcimento al centro estetico “Le Streghe di Albaro”, dove è rimasta sfigurata. Tre mesi dopo, probabilmente a richiesta respinta, ha presentato l’esposto alla procura della Repubblica, producendo le fotografie delle ustioni.

Il pm ha incaricato i Nas degli accertamenti. Ai carabinieri del Ministero della Salute i responsabili del solarium avrebbero dichiarato che alcuni giorni prima alle apparecchiature erano state sostituite le lampadine. Si era pensato a uno sbaglio dei due tecnici incaricati dalla ditta che affitta gli apparecchi: un errore nel montare i filtri che in condizioni normali assorbono i raggi ultravioletti di tipo “B”, aggressivi. Ulteriori verifiche, però, avrebbero permesso di stabilire che gli schermi sarebbero privi di supporto: basta un brusco movimento per farli spostare e renderli inefficaci all’assorbimento degli U. V. La medesima seduta rovinosa nel solarium di via Amendola è stata evitata da un’impiegata dello stesso centro estetico. La donna ha raccontato ai carabinieri che anche lei, subito dopo aver trattato la parrucchiera, voleva sottoporsi a una lampada, ma accortasi del malfunzionamento, ha ovviamente cambiato idea.

Ustioni profonde, vistose bolle sul viso, invece per la donna di Voghera, in un solarium della cittadina del Basso Piemonte che utilizza le stesse lampade prodotte a Genova. Tant’è che i carabinieri hanno messo insieme le due vicende ed hanno fatto partire la segnalazione all’indirizzo del ministero. Che ora ne ha disposto il sequestro.

L’accertamento del difetto di costruzione cambia di molto le responsabilità penali del centro estetico di Albaro e dei tecnici che hanno sostituito le lampade. L’assenza del sistema di bloccaggio dei filtri, invece, chiamerebbe in causa la ditta costruttrice di Bolzaneto, che dal 1981 fabbrica e distribuisce i solarium in Italia e all’Estero.

(04 ottobre 2012)
L’azienda produtrice risponde : 
“Traditi da un errore umano ma siamo un’azienda seria”

I macchinari che hanno attivato questo provvedimento, sono stati prodotti nel 2006 ed all’epoca rispondevano al 100% alla normativa di sicurezza. La tecnologia di abbronzatura ad alta pressione prevede che i raggi ultravioletti siano selezionati da un elemento in cristallo speciale, scuro, trattato per ottenere un “filtro”. Questo elemento è fissato con delle staffe avvitate. Purtroppo, una fatalità ha fatto in modo che su una macchina mai manutenuta dalla nostra azienda, quindi mai aggiornata, a causa di un errore umano, un elemento filtrante per cause imprecisate si sia spostato dalla sua posizione, quindi dall’apparecchio sono fuoriusciti anche raggi di tipo “B”.

La nostra azienda artigiana, specializzata nella produzione di apparecchiature abbronzanti, ha come priorità la sicurezza, dimostrata dal successo che abbiamo in un mercato sempre più difficile. Il nostro costante impegno è testimoniato da migliaia di nostri clienti soddisfatti. Nel corso degli ultimi anni ci sono stati aggiornamenti e correzioni sulle norme di sicurezza, mantenendo un altissimo standard di qualità del prodotto in tutte le componenti. Preciso che le informazioni di legge, fornite a tutti i clienti, prevedono che “In caso di rottura o spostamento del filtro UV, con fuoriuscita di luce bianca, spegnere immediatamente il solarium ed avvertire il personale”. Questo avvertimento non è stato utilizzato, ed il personale qualificato all’interno dell’istituto non ne ha tenuto conto.
Claudio Vassallo, Smart Technologies.

(05 ottobre 2012)
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...