Trattamenti SPA Manicure e Pedicure

Trattamenti SPA

Manicure e Pedicure 

Per dare valore aggiunto a due trattamenti detti di “estetica di servizio”

Come trasformare Manicure e Pedicure in trattamenti SPA
Una manicure o una pedicure alla Spa sono generalmente più costose di quelle che si possono trovare all’interno di un nail salon o di un classico centro estetico. Un’atmosfera più lussuosa e rilassante, al posto di lampade fluorescenti luci soffuse, che riescano a trasmettere calore, candele agli angoli della stanza, comode e morbide poltrone su cui fare accomodare il vostro cliente. Poi non c’è solo l’eliminazione delle pellicine, il taglio delle unghie, la riduzione dei piccoli calli. Un vero e proprio Spa Manicure, o Pedicure che sia, prevede ulteriori step che vanno dagli scrub aromatici alle applicazioni di paraffina. Un sistema ed un trattamento così lussuoso è in grado di trasformare il tradizionale servizio di manicure in una straordinaria esperienza  Spa. I risultati, poi, lasceranno davvero senza parole i vostri ospiti che si ritroveranno con mani e piedi più morbidi, più lisci, dall’aspetto più giovane. Senza dimenticare che nelle SPA di tutto il mondo il primo impatto con i santuari del benessere è il servizio di “Welcome touch” il tocco di benvenuto, un trattamento mirato a piedi e polpacci.
Oggi  i professionisti che riscuotono maggior successo in questo ambito, aggiungono al servizio un massaggio che spesso prende spunto da una varietà di tecniche come il Massaggio Svedese, la Riflessologia, la Digito Pressione e lo Shiatsu. Senza ombra di dubbio, un massaggio professionale può trasformare una tradizionale manicure in un’esperienza straordinaria. 
Prima di cominciare…
Accogliete il vostro cliente con un rituale di benvenuto, come avviene nelle migliori Spa del mondo. Anche se state per iniziare una Manicure (o ogni altro massaggio e trattamento), ricordatevi di iniziare le coccole partendo dai piedi. L’idea perfetta sarebbe quella di costruire all’interno del vostro Centro una zona dedicata al Rituale di benvenuto ai piedi. Un’area tranquilla, con sole candele ad illuminare, aromi inebrianti e un ambiente generale creato seguendo i vostri gusti e i vostri sogni. 
Ovviamente è molto importante anche la poltrona sulla quale farete accomodare il vostro cliente. Deve essere comoda, dotata di tutti comfort e idonea a consentirvi la comodità necessaria per poter dare il meglio di voi nell’esecuzione del trattamento, senza farvi fare sforzi o assumere posizioni non idonee con la schiena.


…ed ora: si parte!
Preparate la vasca con acqua calda a sufficienza da risultate gradita al cliente e oli essenziali fatti scegliere al Cliente. Invitateli ad immergere i piedi nella vasca e le mani nelle apposite vaschette, e lasciateli rilassare per qualche minuto.  
A questo punto mentre azionate l’idromassaggio ai piedi iniziate uno scrub leggero alle mani (ideale con sale grosso o sabbia), massaggiate soffermandovi sulle zone più ruvide fasciate le mani in una salvietta tiepida e lasciate in posa per una decina di minuti. Riaprite le salviette ed eliminate tutti i residui di prodotto con lavette umide. Al termine del ciclo di idromassaggio ai piedi, asciugati con cura i piedi potete passare al passo successivo, dedicato alla maschera nutriente preparata direttamente da voi: un consiglio potrebbe essere quello di mischiare 4 cucchiai da tavola di miele e 3 di latte, mescolate sino ad ottenere un composto omogeneo quindi stendete sui piedi o sulle mani e lasciate in posa per circa dieci minuti, al termine dei quali eliminerete il tutto con acqua calda oppure mischiate 2 cucchiai da tavola di miele, 2 di olio di mandorle dolci e 5 gocce di olio essenziale alle rose. 
Massaggiate sulla parte da trattare e lasciate riposare per 15 minuti, eliminate i residui con acqua calda. Dopo lo scrub e la maschera, è la volta del massaggio. Preparate dell’olio da massaggio e una scelta di oli essenziali da aggiungervi (ricordate di farli scegliere al cliente). Poi procedete seguendo i consigli che stiamo per darvi:
Massaggio alle mani:
Iniziate con uno sfregamento dal gomito sino al polso. Successivamente procedete frizionando la stessa area. Utilizzate la tecnica dell’ impastamento*, lavorando dal polso al gomito e scivolando, poi, indietro per ricominciare. Anche il gomito trae benefici dai massaggi effettuati attraverso lievi pressioni in movimenti circolari; è però opportuno usare molto olio perché questa zona tende ad essere piuttosto secca. Ora lavorate sulle mani con movimenti circolari alternati a stiramenti prima di un lato della mano, poi dell’altro. Non dimenticate i massaggi alle singole dita, passando prima delicatamente, dalla punta alla nocca e poi con pressioni circolari intorno ad ogni articolazione, facendo ruotare il dito in ogni direzione. Concludete lasciando assorbire dalla pelle tutto l’olio rimasto.
Massaggio ai piedi:
Iniziate con un leggero massaggio per riscaldare il piede. Passate alla pressione sulla pianta, premendo con il pollice  sia sull’avampiede che su una linea al centro, poi continuate con leggeri sfioramenti. Appoggiate le mani intorno alla caviglia e al calcagno, stringendo le dita sul collo e i pollici sotto la pianta; fate scivolare le mani verso le dita del piede, dove la pressione viene interrotta, per poi riprendere dalla caviglia. Terminata questa fase preoccupatevi di massaggiare le singole dita prima con pressioni circolari prima leggere, poi più decise. Lasciate riposare per qualche minuto, in modo da far assorbire l’olio rimasto.
Stendete un velo di crema nutriente o idratante sulle zone trattate e massaggiate sino a completo assorbimento. Il  rituale Spa è terminato ed è giunto il momento di iniziare la manicure e la pedicure che siete abituate ad offrire ai vostri ospiti per costruire un’esperienza Spa davvero completa ed indimenticabile! 
• Impastamento
Si effettua mediante una manovra che agisce sull’asse trasversale del muscolo con movimenti alternati. Arriva in profondità per eliminare la tensione e, contemporaneamente, stimola una vasta superficie dell’epidermide. Viene praticato soprattutto nelle zone del corpo dotate di una massa muscolare voluminosa come le cosce, i fianchi e i glutei. Durante questa fase si eseguono numerose azioni che vanno dalla spremitura del muscolo al rilassamento dello stesso, consentendo l’eliminazione delle scorie responsabili dell’affaticamento.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...