Criolipolisi Vietata nei centri estetici



Criolipolisi
Attenzione !!! Vietata nei centri estetici 

Le telecamere di Striscia sono entrate in un altro centro estetico dove veniva praticata la CRIOLIPOLISI, anche questo tipo di trattamento in estetica è VIETATO e, anche in questo caso per chi di voi non lo avesse visto ecco il video CLICCA QUI 


http://www.sunesteticstore.it/catalogo/427/ILLUMINAZIONE.aspx

Ricostruzione Unghie

Ricostruzione Unghie

Onicotecnico mestiere inesistente senza qualifica di estetista 

http://www.sunesteticstore.it/prodotto/161265713699/Lampada-essicazione-gel-fresa-aspiratore-lente-ricostruzione-unghie-manicure.aspx?&ck=ok

L’onicotecnico, colui che si occupa della ricostruzione delle unghie è un mestiere inesistente poichè NON RICONOSCIUTO legalmente e giuridicamente, senza un valido diploma o psecializzazione che non sia la qualifica di estetita.
Ciao carissime lettrici è da un po’ che non scrivo, ma ho preso del tempo per riflettere e per trovare la strada giusta per esercitare la professione di onicotecnica.
Dopo anni ho deciso di affrontare il discorso della qualifica seria, quella professionale nazionale ed europea. Oggi mi ritrovo ben 5 attestati appesi al muro, ma nessuno di questi è riconosciuto per esercitare ilmestiere di onicotecnica. Non è possibile spendere altro tempo e denaro per un corso regionale valido soltanto ed esclusivamente nella regione in cui si consegue e non a livello nazionale cioè, se prendo la qualifica nel Lazio, la stessa non è riconosciuta in Lombardia o in altre regioni.
E’ la solita fregatura di fossilizzarci in un luogo senza poter scegliere altre opportunità ed è anche una presa in giro dei corsi a pagamento! Documentandomi  ho anche scoperto che la regione ha affiderà alla provincia le qualifiche professionali e tra qualche anno qualificarsi come estetista sarà possibile solo dopo il diploma di 5 anni più 3 di specializzazione ossia una mini-laurea. ( Per fortuna in Italia siamo lenti e tutto è precario quindi ci vorrà del tempo e forse cambierà tutto) Riguardo l’onicotecnico non c’è nulla che lo qualifiche a livello imprenditoriale, se non avere il diploma di estetista.
Ho deciso la mia strada circa un mese fa iscrivendomi al biennio per la qualifica di estetista 900 ore più 900.
Sono al settimo cielo perchè proprio oggi è stato il primo giorno di scuola e sono felicissima di tutti i sacrifici fatti fino ad oggi per raggiungere questo obbiettivo per me importantissimo.

http://www.sunesteticstore.it/catalogo/427/ILLUMINAZIONE.aspx

Corrente galvanica : Trattamenti estetici mediante corrente galvanica

 

 
 
Corrente galvanica :
Trattamenti estetici mediante corrente galvanica

http://stores.ebay.it/SUN-ESTETIC-STORE-Beauty-equipment/Corrente-Galvanica-/_i.html?_fsub=3735732017&_sid=1001806087&_trksid=p4634.c0.m322

Che cosa è un trattamento galvanico estetico?

La corrente galvanica viene usata principalmente in trattamenti muscolari e articolari nelle ben note terapie Tens, elettroforesi ecc. Tale metodologia elettrica permette, infatti, di far penetrare nei tessuti, alcuni medicinali che, viceversa, potrebbero entrare nel corpo solo per via endovenosa e non con gli stessi effetti ottenuti dalla corrente.
Da molti anni, la corrente galvanizzata, inoltre, viene usata nei trattamenti di bellezza per rigenerare e tonificare la pelle. Questi trattamenti, attraverso l’azione massaggiante della corrente, aiutano a canalizzare il potere della stessa sulle cellule e ad aumentare la circolazione sanguigna.
Con un’attenta applicazione di corrente galvanica che alterna positiva a negativa è possibile rinnovare e stimolare lo scambio cellulare del derma per combattere

  • le rughe
  • la cellulite
  • le smagliature
  • la perdita dei capelli
  • il fotoinvecchiamento ecc.

La corrente galvanica positiva, in particolare, aiuta a rimuovere le tossine e le impurità, mentre, la corrente galvanica negativa favorisce il trasporto di sostanze nutritive nel sangue, con conseguenti risultati di tonificazione ed elasticità. Le strumentazioni utilizzate nei centri che eseguono i trattamenti galvanici vengono programmati per sviluppare correnti a medie, alte o basse frequenze a seconda delle diverse patologie da curare e a seconda che si tratti di trattamenti del cuoio capelluto, del viso o del corpo.
L’applicazione della corrente galvanica (continua e unidirezionale) può penetrare in profondità attraverso i dotti sudoripari e sebacei e i canali piliferi e, prima dell’applicazione, la pelle va pulita per eliminare il sebo e le impurità.

http://www.sunesteticstore.it/catalogo/379/CORRENTEGALVANICA.aspx

Qual è il trattamento galvanico estetico per il viso più efficace?

Il trattamento galvanico per eccellenza da applicare al viso è la ionoforesi. Esso è utilizzato per facilitare

  • la pulizia profonda dei pori
  • il bioringivanimento
  • la cura di acne
  • della pelle grassa
  • delle rughe
  • l’iperpigmentazione

Ionoforesi viso per curare l’acne e la pulizia profonda del derma

Durante il processo di ionoforesi, la corrente galvanica viene utilizzata per veicolare nel derma sostanze che emulsionano il sebo, causa principale della pelle grassa e dell’acne. In questo caso, la ionoforesi, aiuta ad ammorbidire e rilassare i detriti nel follicolo per accelerarne la loro fuoriuscita.

Ionoforesi viso con effetto lifting

Si tratta del processo di introduzione di prodotti idrosolubili nella pelle del viso attraverso la corrente elettrica. Tali prodotti, sotto forma di ioni penetrano nel derma curando la pelle. Grazie all’elettrostimolazione, inoltre, lo scambio cellulare ne viene accelerato con conseguente bio-ringiovanimento e rivitalizzazione cutanea.

http://www.sunesteticstore.it/catalogo/427/ILLUMINAZIONE.aspx
 
 
 

IL MASSAGGIO HOT STONE

http://www.sunesteticstore.it/

IL MASSAGGIO HOT STONE 

http://www.sunesteticstore.it/catalogo/331/SCALDAPIETRE.aspxhttp://www.sunesteticstore.it/prodotto/160908569545/KIT45PZPIETREMASSAGGIOESTETICACENTROBENESSERESPAMASSAGGIOHOTSTONE.aspx

Fin dalla notte dei tempi, civiltà e culture millenarie si sono sempre affidate alle pietre per scopi medicinali e per riequilibrare chakra distonici o intervenire su vibrazioni di energia negativa. E il fuoco, e il calore in generale, sono da sempre preziosi alleati anche per fini terapeutici. Combinare questi elementi insieme dà vita all’Hot Stone Massage , conosciuto già da tempo anche in Italia come Massaggio con pietre laviche , praticato da millenni e recentemente tornato in auge grazie alla riscoperta delle beauty farm americane, che lo hanno poi rilanciato in tutto il mondo.

L’azione terapeutica si ottiene applicando sul corpo pietre basaltiche, vulcaniche, ma anche provenienti dal Gange e dai letti di altri fiumi. Le pietre rilasciano lentamente il loro calore: sotto questo punto di vista è importante anche tenere in considerazione il diverso effetto di ogni tipo di pietra: una pietra levigata rilascia il calore in modo più lento e uniforme. A seconda del disturbo da trattare, all’azione della pietra viene associato il massaggio adatto e spesso la terapia viene accompagnata con l’azione di oli o aromi. Il massaggio Hot Stone si può in ogni caso praticare anche a freddo, per venire incontro a chi ha problemi di fragilità capillare, cioè le uniche persone per cui il massaggio con pietre calde è controindicato.
Massaggio con pietre calde, fredde e alternato
Per il massaggio a caldo si scelgono in genere pietre laviche, la cui dimensione e il cui peso dipendono dal tipo di trattamento che è necessario effettuare. Se in genere si prediligono pietre che abbiano una forma che le rende maneggevoli, a volte, per il trattamento di estese parti del corpo, si utilizzano pietre più grandi. Le pietre vengono scaldate, generalmente in acqua, a 65-70 gradi. Sulla parte del corpo da massaggiare viene prima applicato un olio e poi la parte viene manipolata grazie alle pietre, che nel frattempo sono state asciugate. Quando hanno disperso il loro calore vengono sostituite con altre pietre calde. Per il massaggio con pietre fredde vengono usati particolari tipi di quarzo, raffreddati ad hoc per la terapia. Oltre che per coloro che soffrono di fragilità capillare, questa variante del massaggio è particolarmente indicata per gli sportivi. Le pietre fredde stimolano infatti la circolazione causando un restringimento dei vasi sanguigni, migliorando così lo smaltimento delle tossine e l’ossigenazione delle cellule. La tecnica con pietre calde alternate ad altre fredde è consigliato per il trattamento di lesioni muscolari e infiammazioni, poiché stimola la vasodilatazione e successivamente la vasocostrizione, oltre ad avere un effetto sedativo sul sistema nervoso.
I benefici
In generale, questo tipo di trattamento è indicato nel caso di:

  • dolori muscolari, reumatici o artritici
  • mal di schiena
  • stress
  • insonnia
  • depressione

È inoltre indicato per migliorare la circolazione. Ma la terapia, soprattutto se abbinata ad aromaterapia, uso di oli e massaggi, può anche procurare benefici più specifici.
Il massaggio Hot Stone aiuta a sciogliere la rigidezza muscolare, a migliorare la mobilità delle articolazioni e ad alleviare la tensione della colonna vertebrale, principale causa di dolorosi e invalidanti mal di schiena. Decongestiona i depositi linfatici, migliora la ritenzione dei liquidi e influisce positivamente sulla circolazione arteriosa, oltre a migliorare il ritorno venoso. Aiuta a disintossicare l’organismo, sbloccando inoltre gli scambi metabolici. Ha inoltre anche effetti estetici, poiché leviga e rilassa la pelle.
Senza contare i benefici sull’umore e sul benessere dello spirito, che troppo spesso si tende a mettere in secondo piano rispetto al corpo. La tecnica Hot Stone procura una generale sensazione di benessere e relax, e l’aumento della sensibilità nei confronti delle persone e del mondo. Inoltre, contribuisce ad acquisire una maggiore consapevolezza del proprio corpo.

Sui Chakra

Oltre che su parti doloranti o malate, le pietre possono essere, secondo la concezione olistica, appoggiate direttamente sui chakra, per migliorare il flusso di energia all’interno del corpo. Considerati come ruote o porte di energia, I principali chakra sono sette. “Risintonizzare” un chakra influenza il flusso di energia, positiva e negativa, e influisce su particolari stati d’animo e aspetti della vita a cui lo specifico chakra è correlato.
Controindicazioni
Il trattamento con pietre calde è controindicato per chi soffre di fragilità capillare. È inoltre sconsigliato su ferite aperte e lesioni cutanee e in caso di nausea, febbre e infiammazioni dei vasi linfatici.
La tecnica Usa

Il massaggio Hot Stone deriva da due tradizioni fondamentali: quella Ayurvedica e quella degli Indiani dell’Arizona. Il trattamento più diffuso in occidente proviene dagli Stati Uniti. Qui alcuni anni fa Mary Hannigan Nelson, considerata la fondatrice della tecnica usata attualmente, ha fuso insieme la tradizione dei nativi con elementi New Age, dando vita a una cerimonia di massaggio che utilizza 72 tipi di pietre, 54 nere e calde, di origine vulcanica, e 18 bianche e fredde, ad esempio il marmo.  La tecnica diffusa dalla statunitense prevede due fasi principali del massaggio: durante la prima si riequilibrano i chakra, stimolati dal calore delle pietre. In questa fase infatti vengono utilizzate solo le pietre nere riscaldate. Durante la seconda fase invece si applicano anche le pietre bianche. Il trattamento dura circa un’ora.
http://www.sunesteticstore.it/catalogo/367/APPARECCHIATUREESTETICA.aspx

Lettino professionale per Fisioterapia

Lettino professionale per Fisioterapia

http://www.sunesteticstore.it/

Lettino ad alte prestazioni con foro facciale
particolarmente adatto per fisioterapia e osteopatia.
Diviso in otto sezioni che consentono di
facile regolazione in più posizioni. Gambe indipendente.
Dotato di due motori che controllano l’altezza del tavolo e ritorno.
Robusta struttura in metallo con ruote retrattili
per facilitare il loro spostamento.
Rivestimento in PU e imbottitura ad alta densità.

Formato del prodotto: 207x58x88 centimetri
Peso: 69 Kg.
Rivestimento: PU
Motori: 2

Foro facciale
Escursione  60/88 cm

Pedaliera comando movimenti inclusa

 

Un buon lettino aumenta il piacere e l’efficacia del massaggio 

Quella del massaggiatore è tra le professioni che hanno visto un maggiore incremento negli ultimi anni, sia in termini di popolarità che di sbocchi professionali. Accanto al fisioterapista tradizionale, sono apparsi i professionisti dello shiatsu, del massaggio ayurvedico, dell’agopressione, della pressoterapia, del massaggio addominale e della riflessologia. Molti agopuntori inoltre praticano il massaggio prima o dopo la seduta con gli aghi per aumentare l’effetto di quest’ultima. Il mercato si è adeguato incrementando l’offerta di accessori per massaggiatori, primo tra tutti il lettino.

Avete appena concluso la vostra specializzazione e state attrezzando il vostro studio per avviare un’attività in proprio? Oppure avete cambiato studio o volete rimodernizzare i locali dove esercitate attualmente? In tutti questi casi, molto probabilmente la prima cosa che starete cercando è un buon lettino da massaggio che soddisfi i vostri clienti e vi renda facile al compito, permettendovi di fare massaggio dopo massaggio per tutto il giorno.
Quali elementi dovete considerare nella scelta di un lettino per massaggi?
Ci sono alcune caratteristiche che è bene tenere presenti prima di navigare in rete per il vostro acquisto:

  1. larghezza del lettino. Qui ci sono due esigenze contrapposte: chi riceve il massaggio opterebbe per un lettino che sia il più largo possibile, mentre chi fa il massaggio trova scomodo un lettino troppo largo, perchè risulta faticoso per schiena e braccia. La soluzione ottimale consiste in un lettino di larghezza media con possibilità di aggiungere bracciali laterali per pazienti con spalle particolarmente larghe.
  2. altezza del lettino. Qui l’esigenza principale è quella del massaggiatore. Il lettino dovrebbe arrivare all’altezza del polso del massaggiatore. Molti lettini sono regolabili tra i 60 a i 90 cm, ma controllate quali sono le misure intermedie che si possono effettivamente raggiungere.
  3. lettino ripiegabile o fisso. In termini di stabilità (e un massaggio ne richiede parecchia), un lettino fisso è preferibile, in quanto essendo più pesante difficilmente si muoverà mentre praticate il massaggio. Ma a volte un massaggiatore pratica il suo lavoro a domicilio, per esempio recandosi in luoghi di lavoro o cliniche e spostandosi più volte al giorno. In questo caso, un lettino ripiegabile diventa d’obbligo. Un espediente che potete usare per aumentare la stabilità è quello di fissare il lettino al muro o a qualche altro oggetto robusto. Attentionze: da non confondersi con i lettini ripiegabili sono i lettini a diversi snodi (per esempio, quelli ad uno snodo hanno lo schienale inclinabile, quelli a due e tre snodi hanno anche altre parti inclinabili).

 Attrezzature Medicali

Lettini
Poltrone
Sgabelli
Carrelli
Servo Mobili
Lavandini Cabina

  • Nostri Contatti
  • Sun Estetic Store
  • via Montegrappa 7/A
  • 20835 Muggiò – MB
  • Tel. 3487092335
  • Mail : sunesteticstore@gmail.com

Cabina estetica in farmacia



Cabina estetica in farmacia 

Già dallo scorso anno è oramai una realtà, all’interno delle farmacie, la realizzazione di locali attrezzati per trattamenti corpo e viso fino ad ora ad esclusivo appannaggio dei centri estetici.
Oggi quindi l’estetista ha un concorrente in più o una nuova opportunità di collaborazione, crescita e sviluppo del proprio mercato?
Probabilmente è già chiaro il messaggio che da questo post vuole trapelare: nuovi locali e, soprattutto, nuovi contesti in cui parlare di estetica devono considerarsi un ampliamento del target raggiungibile in termini di clientela e quindi un’opportunità di vendita e incremento fatturato.


Quali sono i vantaggi immediati:

– coinvolgere in trattamenti estetici una nuova fascia di clientela composta da chi da sempre si fida più del consiglio del farmacista, in termini di creme, che di quello dell’estetista.
– avere una nuova location lavorativa dove poter proporre trattamenti eseguibili solo presso il centro estetico, quindi l’occasione in un certo senso di poter dirottare il traffico di utenti.

– ampi locali o vetrine esposte in luoghi di passaggio in cui poter inserire o affiggere poster e cartelloni con pubblicità e promozioni varie, inoltre un corner interno ad altissima visibilità.
Basta infatti pensare a quante persone accedono ad una farmacia quotidianamente.

– possibilità di ampliare l’organico offrendo alle farmacie un servizio di prestazione d’opera magari limitato ad alcune prestazioni o ad alcuni giorni della settimana.
Insomma già solo per questi motivi tentare di instaurare un rapporto di collaborazione con le farmacie è sicuramente una strada percorribile, soprattutto in questo periodo di crisi, quando trovare un’idea nuova diventa una necessità.

In ultimo riteniamo anche che gestire una cabina all’interno di una farmacia potrebbe essere una soluzione lavorativa qualificante per tutte quelle estetistiche che si trovano nell’esigenza di abbattere i costi di attività, così da poter chiudere i propri locali ma ciò nonostante continuando la propria attività in un ambiente congruamente attrezzato.
Un’altra valida alternativa per evitare l’abusivismo che inevitabilmente si offre come opportunità a chi si trova nelle condizioni di chiudere la propria attività.
Per sapere di più sulla normativa che regolamenta la presenza di cabine estetica nelle farmacie potete consultare:
http://dpe.confartigianato.it/sistema-imprese-mestiere/2107/79/cabina-estetica-farmacia-cosa-bisogna-sapere

Dove acquistare le attrezzature :

 

Microdermoabrasione



Microdermoabrasione

http://vimeo.com/69975107

TRATTAMENTO LEVIGANTE E REVITALIZZANTE CON MICRODERMOABRASIONE

Gli studi intrapresi da anni nel campo della medicina estetica, della dermatologia e della chirurgia estetica hanno contribuito allo sviluppo della microdermoabrasione controllata a cristalli inerti. Questa tecnica permette al medico di effettuare trattamenti ambulatoriali, veloci, precisi, efficaci e non traumatici. Con la microtermoabrasione dei microcristalli vengono “sparati” sulla pelle attraverso un un manipolo ottenendo un effetto levigante. Si rimuove così lo strato corneo superficiale. I microcristalli vengono poi aspirati attraverso lo stesso manipolo insieme ai residui di cellule morte. Eseguendo correttamente la metodica, i disagi, (sanguinamento, escoriazioni, reazioni forti di arrossamento, dolore) sono da considerarsi un evento raro. La microdermoabrasione controllata a cristalli inerti è utile nel trattamento di vari inestetismi e/o patologie cutanee: acne, cicatrici post-acneiche, rughe e invecchiamento cutaneo, iperpigmentazioni, cicatrici post-chirurgiche, smagliature. Gli inestetismi e/o le patologie che possono essere trattate e per le quali vengono date indicazioni sono le seguenti:

  • seborrea;
  • iperpigmentazioni;
  • rosacea e couperose;
  • rughe;
  • cicatrici post-acneiche;
  • cicatrici post-chirurgiche deturpanti;
  • esiti da ustioni cicatriziali;
  • cheloidi inattivi;
  • tatuaggi;
  • strie atrofiche cutanee-smagliature.

Possono essere trattate inoltre tutte le patologie considerate nella dermoabrasione meccanica o chimica.
Tutte le aree cutanee del corpo possono essere trattate: viso, collo décolleté, braccia, schiena, arti inferiori ecc. Variano naturalmente il tempo di applicazione, il numero delle sedute, i cosmetici e/o i farmaci complementari il tipo di trattamento.

Microdermoabrasione per l’attenuazione di rughe e per l’invecchiamento precoce  Esempio di protocollo
  • Detergere accuratamente la pelle del viso, collo e décolleté utilizzando un detergente delicato, idratante
  • Tonificare utilizzando un tonico analcolico contenente estratti vegetali ad azione addolcente, idratante
  • Applicare sul viso, collo e décolleté una concentrazione di AHA scegliendo la più adatta al tipo di pelle e agli spessori cutanei (30% -40% o 70%). Rispettare i tempi di posa a seconda della tolleranza individuale: da 3 a 10 minuti
  • Terminata l’applicazione, eliminare ogni residuo di prodotto mediante risciacquo accurato. Applicare sulle zone cutanee da trattare l’apposita lozione sgrassante
  • Asciugare perfettamente la pelle ed eseguire l’applicazione di microdermoabrasione utilizzando l’apposito accessorio e regolando i meccanismi leviganti e stimolanti a seconda degli spessori cutanei. Conclusa l’applicazione, eliminare accuratamente ogni residuo di polvere levigante ed applicare sulle zone trattate uno strato uniforme di crema acidificante e riacidificante per lenire e rinfrescare la pelle. Tempo di posa 10-12 minuti
  • Eliminare ogni residuo di crema acidificante ed applicare sulla pelle una dose di Siero concentrato nutriente – revitalizzante (principi attivi contenuti: estratti vegetali di aloe, equiseto, complessi vitaminici e oligoelementi di derivazione termale e marina, aminoacidi ecc.). Favorire l’assorbimento del prodotto con manovre di massaggio manuale tonificante
  • Applicare una dose generosa di crema idratante sulle zone di pelle trattata e favorire l’assorbimento del prodotto con un accurato massaggio manuale modellante .Nel caso di pelle particolarmente arida, alipidica, senescente aggiungere una crema ricca, nutriente. (principi attivi: vitamina A e E, olio di germe di grano, jojoba, aloe e centaurea)
  • Terminato il massaggio manuale, eliminare i residui di crema ed applicare una maschera rigenerante (principi attivi contenuti Provitamina B5, Vitamina E, estratti vegetali ad azione idratante, lenitiva quali l’aloe, la melissa, la camomilla ecc.). Tempo di posa: 10 -15 minuti. Dopo il tempo di posa, eliminare i residui di maschera e tonificare
  • Concludere il trattamento applicando sulla pelle una dose di Siero concentrato nutriente – revitalizzante. Fare assorbire. Proteggere la pelle idratandola con cura. Applicare un film protettivo e uniforme di crema specifica post – peeling contenente principi attivi emollienti e vitamina E

Nel caso di pelle senescente particolarmente atona si suggerisce di alternare alla maschera sopra descritta una specifica maschera calco – modellante, soprattutto quando si esegue un ciclo di trattamenti. Le prime 3 – 6 sedute, che consentono di ottenere risultati evidenti e duraturi, sono abitualmente eseguiti con frequenza bimensile. Dopo questo primo periodo, il medico valuterà accuratamente i risultati per prescrivere una terapia di mantenimento (abitualmente, nel caso di pelli prive di particolari inestetismi si suggerisce una seduta di mantenimento ogni 30-40 giorni).
L’esperto consiglia
Nei giorni successivi al trattamento (2-4 giorni) si raccomanda di:

  • Idratare e nutrire accuratamente e frequentemente la pelle;
  • Non utilizzare cosmetici domiciliari contenenti alfa e beta idrossi-acidi o altre preparazioni esfolianti;
  • Non fare lampade abbronzanti;
  • Utilizzare ogni mattina un cosmetico protettivo contenente filtri UVA-UVB;
Microdermoabrasione per il trattamento di iperpigmentazioni cutanee  Esempio di protocollo
  • Detergere accuratamente la pelle utilizzando un detergente adatto alla tipologia cutanea
  • Tonificare utilizzando un tonico analcolico adatto al tipo di pelle
  • Applicare sulle zone di pelle da trattare uno strato uniforme di crema acidificante e riacidificante. Tempo di posa 10-12 minuti
  • Eliminare i residui di crema acidificante ed eliminare ogni traccia di prodotto cosmetico o di impurità utilizzando la specifica lozione sgrassante per eliminare dalla cute ogni traccia di sebo o prodotti precedentemente utilizzati
  • Eseguire la microdermoabrasione in maniera accurata, avendo cura di trattare in maniera minuziosa e corretta le zone interessate da discromie e iperpigmentazioni. Valutare attentamente le reazioni e la sensibilità individuale. Terminata l’esecuzione eliminare con cura ogni traccia di cristalli inerti
  • Applicare sulle zone cutanee affette da iperpigmentazioni o cheratosi la specifica formulazione depigmentante (principi attivi contenuti: acido cogico, acido glicirretico ). Fare assorbire
  • Applicare, dopo l’assorbimento del depigmentante/schiarente una concentrazione di gel contenente AHA (il medico valuterà la concentrazione adatta al soggetto in trattamento). Questo tipo di prodotto favorirà la penetrazione della formulazione ad azione depigmentante – sbiancante. Il tempo di posa sarà valutato in relazione agli spessori cutanei ed alla reazione individuale
  • Dopo l’applicazione degli AHA, eliminare ogni residuo mediante accurato risciacquo
  • Applicare sulle aree cutanee trattate una maschera specifica ad azione sbiancante, lenitiva ( principi attivi contenuti: estratti vegetali contenenti bioflavonoidi, acido glicirretico, estratto di liquerizia, vitamina C, Vitamina E, zolfo, caolino, argille). Tempo di posa:10-15 minuti. Dopo il tempo di posa, rimuovere la maschera e tonificare utilizzando un tonico analcolico regolatore del pH cutaneo
  • Applicare sulle zone pigmentate una dose di prodotto ad azione depigmentante, sbiancante. Fare assorbire
  • Applicare una dose di crema idratante – dermoprotettiva contenente filtri schermanti UVA – UVB

L’esperto consiglia
Nei giorni post – trattamento (3-4 giorni successivi al trattamento ambulatoriale) si raccomanda di:

  • idratare accuratamente la pelle più volte al giorno
  • utilizzare quotidianamente, due volte al giorno (sera e mattina ) un prodotto specifico schiarente – depigmentante sulle zone affette da iperpigmentazioni cutanee
  • non utilizzare cosmetici contenenti alfa e beta idrossi-acidi
  • non sottoporre le zone cutanee trattate a lampade UVA – UVB
  • utilizzare ogni mattina prima del maquillage un prodotto idratante protettivo contenente filtri schermanti contenenti fattori di protezione UVA -UVB contenenti filtri fisici (per es. biossido di titanio)

NB. Il numero delle sedute sarà deciso a seconda della risposta individuale. Abitualmente si esegue un ciclo iniziale di 4 – 6 sedute a frequenza settimanale o bisettimanale.
Dopo questo primo periodo, il medico valuterà accuratamente i risultati per prescrivere una terapia di mantenimento. La terapia delle iperpigmentazione prescinde da un’indagine accurata, ed è importante una terapia costante sia ambulatoriale che domiciliare per prevenire ed attenuare la formazione di questi inestetismi.

Microdermoabrasione per il trattamento di esiti cicatriziali post acneici  Esempio di protocollo
  • Detergere accuratamente le zone cutanee da trattare utilizzando un gel detergente contenente estratti vegetali ad azione seboequilibrante – purificante
  • Tonificare utilizzando un tonico analcolico regolatore del pH cutaneo
  • Applicare sulle aree cutanee da trattare uno strato uniforme di crema acidificante – riacidificante .Tempo di posa :10 -12 minuti
  • Dopo il tempo di posa, eliminare accuratamente i residui di crema acidificante utilizzando dischetti di cotone idrofilo imbevuti di tonico regolatore del pH cutaneo
  • Sgrassare accuratamente la cute utilizzando l’apposita lozione, per eliminare ogni traccia di sebo e impurità
  • Applicare sulle aree cutanee da trattare una dose di gel contenente AHA (acido glicolico, lattico, malico, e BHA – acido salicilico. L’operatore sceglierà la concentrazione più adatta alla tipologia e alle differenti zone cutanee. Il tempo di posa è relativo alla reazione individuale, alla sensibilità e ai sintomi riferiti dal paziente durante l’applicazione. Tempo di posa: da 3 a 15 minuti
  • Dopo il tempo di posa, eliminare accuratamente ogni residuo di prodotto mediante risciacquo accurato
  • Applicare il TCA (acido tricloracetico) nelle zone affette da esiti cicatriziali severi, utilizzando un cotton fiocc o una garza sterile. La concentrazione del TCA ( 15%- 20 % -25 %) sarà decisa dal medico in base alle caratteristiche cutanee ed alla tolleranza individuale. Controllare accuratamente le reazioni cutanee (bruciore, rossore, frost). Lenire la sensazione di bruciore con impacchi freddi fino a quando il/ la paziente riferisce di non avvertire più sensazioni fastidiose
  • Applicare sulle zone trattate una maschera calmante, assorbente arricchita da sostanze ad azione schiarente, (estratti vegetali di camomilla, bardana, liquerizia, zolfo, argilla bianca, argilla verde ecc.) Tempo di posa:15 minuti circa
  • Dopo il tempo di posa, eliminare la maschera mediante risciacquo ed applicare sulla pelle una crema idratante, disarrossante, contenente filtri schermanti UVA -UVB

NB. Il numero delle sedute e la loro frequenza sono in relazione al tipo di pelle, alla reazione individuale. Il primo ciclo di trattamenti è mediamente di 6 – 8 applicazioni ogni 8 – 15 -20 giorni .Dopo questo primo ciclo di trattamenti il medico valuterà le reazioni individuali per decidere la terapia di mantenimento.

L’esperto consiglia
Nei giorni successivi alle applicazioni ambulatoriali (3-5 giorni), si raccomanda di:

  • Non applicare alcuna formulazione contenente AHA o BHA (acido glicolico, lattico o salicilico);
  • Idratarev accuratamente la pelle più volte al giorno;
  • Utilizzare, nel caso di esfoliazioni o aridità evidente, pomate emollienti ad azione ammorbidente – lenitiva;
  • Non sottoporsi a lampade UVA – UVB ed evitare accuratamente esposizioni al sole, proteggendo la pelle con prodotti protettivi contenenti filtri schermanti UVA – UVB (biossido di titanio);
  • Utilizzare ogni giorno, qualora si avvertisse pizzicore, bruciore e arrossamento, una maschera ad azione assorbente, calmante, rinfrescante (a base di argille, fanghi vegeto – minerali di origine termale arricchite di estratti vegetali quali: camomilla, tiglio, melissa).
http://www.sunesteticstore.it/catalogo/367/APPARECCHIATUREESTETICA.aspx